BIENNALE LIGHT ART 2022

PAOLO CAVINATO

| COSMO |

Cosmo è un disegno tridimensionale costruito su precisi calcoli matematici. Il quadrato di partenza si evolve ruotando sul proprio asse centrale creando uno spazio frattale tendente all’infinito. Il quadrato, simbolo di ordine, logica e progettazione si sviluppa con fili tesi in forme geometriche attorno ad un centro vuoto, come un universo in espansione. L’opera si presenta come un mandala tridimensionale, delicato e fluttuante, custodito all’interno di un contenitore quadrangolare.

| BEYOND / OLTRE |

L’installazione è una grande scatola da trasporto in legno ad altezza uomo a forma di parallelepipedo e presenta su uno dei lati corti una sorta di soglia specchiante. Dapprima, il fruitore vede la propria immagine riflessa sulla superficie; poi, essa si dissolve lasciando posto ad un inaspettato corridoio vuoto e profondo.
Durante la metamorfosi, un sibilo accompagna e dilata la dissoluzione della propria immagine nello spazio vuoto mettendo in relazione l’idea del sé con qualcosa di impalpabile che sta oltre.

PAOLO CAVINATO (1975) vive e lavora a Mantova. A partire dal 1997 espone in diverse mostre personali e collettive (Milano, Londra, Parigi, Berlino, New York, Shanghai, ecc.). Nel 2005 partecipa alla Biennale di Istanbul e nel 2008 vince il 3° Premio della Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano. È premiato dalla Royal British Society of Sculptors di Londra, la quale gli dedica una personale nel 2011. Nel 2014 è in residenza presso lo Swatch Art Peace Hotel di Shanghai e nel 2017 gli viene dedicata una grande mostra a Palazzo Ducale di Mantova. Tra i progetti recenti da ricordare Limen a Palazzo Te di Mantova e la partecipazione a Sensorama, mostra internazionale, presso il MAN di Nuoro.

CONDIVIDI SU

BIENNALE LIGHT ART
CASA DEL MANTEGNA
27.05 – 28.08.2022

CURATORE GENERALE
Vittorio Erlindo

ORGANIZZAZIONE MOSTRA
Bassi Beatrice
Angelo Panerari

UFFICIO COMUNICAZIONE
Beatrice Bassi

CREDITI FOTOGRAFICI
Paolo Bernini Studio Nife
Elisabetta Pirozzi
Claudio Compagni
Barbara Silvestri

RINGRAZIAMENTI
Franco Amadei
Romano Frignani
Antonella Mantovani
Maurizio Lionetti